Se il dipendente della Banca sbircia sui conti correnti di personaggi dello spettacolo, licenziamento legittimo (e paga le spese)

17 Nov 2021 | News | 0 commenti

Corte di Cassazione Sezione L Civile Sentenza 16 novembre 2021 n. 34717

Un dipendente addetto al servizio clienti della filiale di Foggia di una nota Banca Italiana, venne licenziato a seguito della contestazione concernente, da un lato, i  fraudolenti tentativi di truffa per svariati milioni di euro (operati con la sua matricola contabile ai danni di una s.p.a.)  e, dall’altro, l’accesso abusivo  o comunque non consentito, al sistema informatico della Banca per controllare decine di schede-cliente di personaggi dello spettacolo carpendone quindi i dati sensibili.

Il potere di disporre di strumenti informatici volti al compimento delle operazioni finanziarie presso un istituto   bancario non è di certo sinonimo di permesso di accesso indiscriminato alle banche dati.  

Né si può ritenere, nel caso di specie, che sussista  un onere  di impedire l’accesso  a tali dati da parte della banca, che,  stante il rapporto fiduciario tra datore e prestatore di lavoro, conceda l’utilizzo di tali strumenti informatici ai propri   dipendenti affinché operino  in maniera lecita durante la prestazione lavorativa.  Il lavoratore, scrive la Suprema Corte, tenta di invocare una sorta di esimente per elidere l’illiceità del suo comportamento, imputando paradossalmente alla banca la mancata predisposizione di adeguate protezioni  dei dati  dei  clienti.

Insomma, l’occhio lungo rende il lavoro corto.

Roberto Smedile

Circa l’autore

Avv. Roberto Smedile

Nato a Milano il 15 febbraio 1968. Laurea in Giurisprudenza presso Università Statale di Milano. Abilitazione alla professione di Avvocato – Corte d’Appello di Milano (1998). Ha svolto attività legale di consulenza per diversi anni in favore di società operanti nel settore petrolifero, chimico ed elettrico ed ha ricoperto il ruolo di “Italian Representative” della Camera di Commercio Italiana negli Emirati Arabi Uniti (Dubai), presenti in Italia, con l’obiettivo di supportare le imprese italiane che volessero intraprendere una attività commerciale (produzione e/o vendita) negli Emirati Arabi Uniti.

Categorie

Archivi

    0 commenti

    Invia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.